Vai al contenuto

{Newsletter} Toccami il cuore

Sarà l’età che avanza, o forse il periodo complicato, ma mi capita sempre più spesso di avere il groppo in gola e gli occhi umidi, anche per cose da poco. Ultimamente mi sono commossa vedendo uscire i bambini da scuola, sentendo le storie di chi scappa dalla guerra, ascoltando l’inno per le medaglie d’oro, guardando mio figlio grande che tiene in braccio il gattino… insomma, un po’ per tutto!

Questa commozione un po’ mi piace e un po’ mi imbarazza, ma so che è un tratto di me, e non voglio perderla.

Fase della progettazione di un mandala 3D

Quando progetto un mandala parto da uno schizzo, o da un’idea che ho in testa, e provo a comporre gli elementi seguendola.
Inizio da un singolo settore, appoggiando i pezzi sulla base, poi rovescio tutto e mi dedico al mandala completo usando la lavagna luminosa. In questo modo la composizione risulta sul lato bianco della base e mi permette di vedere bene il bilanciamento dei pieni e vuoti.
Ripeto questo procedimento fino a quando sono convinta e contenta del risultato, poi appunto le misure di tutti i pezzetti e scrivo la “ricetta” del mandala.

Da qui mi trasformo in cliente: dimentico tutto quello che so, e ricomincio a comporre il mandala da zero, su una base con le linee molto scure, che poi fotograferò per le copertine dei kit.
Cerco di farlo in un momento tranquillo, in cui so che posso lavorare tutto di seguito. Voglio veramente ricreare la sensazione che avrai quando ti metterai all’opera e realizzerai il tuo mandala.Anch’io mi lascio prendere dai movimenti, e dimentico il tempo che passa…

Ma poi succede una magia: quando poso l’ultimo pezzo, alzo la testa e guardo il risultato, ecco che mi risale il nodo in gola. È come se qualcosa si ricomponesse, e io stessa mi stupisco che il risultato sia così preciso e armonico.

Vedo lo stesso sguardo negli occhi di chi viene ai miei laboratori: gli occhi colmi di soddisfazione per aver creato con le proprie mani una cosa nuova e inaspettata, e al tempo stesso lo stupore per la semplicità e naturalezza del procedimento.
Cosa dici? Non l’hai mai provato? Allora ti aspetto la prossima volta, che sia in fiera o in qualche altro posto meraviglioso!


L'albero di magnolia in fiore

Il giardino in questi giorni è un tripudio di fiori! Sono sbocciati i narcisi e fioriti gli alberi. Quasi mi pento di essere stata così immersa nei preparativi per la fiera e non averti aggiornatə… ma recupererò!Qui sopra c’è la magnolia in boccio, con il cielo tanto per cambiare azzurro. Speriamo che piova presto, perché gli iris e le persone aspettano!

Spesso nelle stories di Instagram ti parlo del mio giardino, perché mi riserva sorprese in ogni stagione, e prendermene cura (anche se troppo poco, e a fasi alterne) mi aiuta a rallentare e radicarmi alla terraSeguimi per saperne di più, o leggi le mie storie passate!­­­­


Questa è la newsletter che ho inviato agli abbonati ad aprile 2022, in una versione più adatta al web. La trovi con tutte le altre nell’apposito archivio. Mancano solo le ultime, che sono riservate a chi si abbona!

Ti è piaciuto questo post? Vuoi ricevere anche tu i miei prossimi racconti? Iscriviti con il modulo qui sotto; ti scriverò una volta o due al mese con le ispirazioni, le novità e i buoni sconto per le fiere e i corsi!

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.
Iscriviti alla newsletter
Abbonati alla nostra newsletter e resta aggiornato su tutte le inziative, gli eventi e le promozioni di Fatto con Gioia.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d’uso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.